TRASPORTO MERCI – Incentivi agli investimenti anno 2017: pubblicati in Gazzetta Ufficiale i decreti con le modalità di erogazione

Roma, 4 agosto 2017 – Nella Gazzetta Ufficiale numero 178 del 1° agosto 2017 sono stati pubblicati i decreti del Ministero dei Trasporti che stabiliscono le modalità di erogazione dei contributi destinate agli investimenti a favore delle imprese di autotrasporto di merci per conto di terzi regolarmente iscritte al REN e all’Albo degli Autotrasportatori.

 

Le domande per accedere ai contributi devono essere presentate, a partire dal prossimo 18 settembre ed entro il termine perentorio del 15 aprile 2018, esclusivamente in via telematica, attraverso il portale dell’automobilista www.ilportaledellautomobilista.it, sottoscritte con firma digitale dal rappresentante legale dell’impresa, del consorzio o della cooperativa richiedente, seguendo le specifiche modalità che saranno pubblicate, a partire dall’11 settembre 2017, sul sito internet del Ministero dei Trasporti nella sezione “autotrasporto – contributi ed incentivi”.
Ogni impresa, anche se associata ad un consorzio o una cooperativa, può presentare solo una domanda di contributo.

 

Gli incentivi riguardano:
1. Acquisizione di nuovi Autoveicoli di massa complessiva da 3,5 t in su (metano CNG, gas naturale liquefatto LNG e elettrica ecc.).
2. Rinnovo e l’adeguamento tecnologico del parco veicolare (rottamazione contestuale ad acquisizione veicoli euro 6 di massa complessiva da 11,5 t in su).
3. Acquisizione di beni strumentali per il trasporto intermodale.

 
In particolare l’art. 1 comma 4 del D.M. individua le seguenti tipologie di investimento e la relativa dotazione finanziaria:
1. 10,5 milioni di euro per acquisizione di autoveicoli nuovi di massa complessiva da 3,5 ton in su a trazione alternativa a metano CNG, gas naturale liquefatto LNG e elettrica, nonché dispositivi per riconversione di autoveicoli da motorizzazione termica ad elettrica;
2. 10 milioni di euro per radiazione per rottamazione di veicoli pesanti di massa complessiva da 11,5 ton in su, con contestuale acquisizione di veicoli nuovi euro 6 di massa complessiva da 11,5 tonnellate.
L’incentivo è pari a 5 mila euro per ogni veicolo radiato per rottamazione di massa complessiva da 11,5 a 16 ton. e di 10 mila euro per i veicoli pari o superiori alle 16 ton.;
3. 14,4 milioni di euro per acquisizione di rimorchi e semirimorchi nuovi per il trasporto combinato ferroviario (normativa UIC 596-5) e per il trasporto combinato marittimo dotati di ganci nave (normativa IMO), dotati di dispositivi innovativi nonché per l’acquisizione di rimorchi e semirimorchi o equipaggiamenti per autoveicoli specifici superiori a 7 tonnellate allestiti per trasporti in regime ATP, rispondenti a criteri avanzati di risparmio energetico e rispetto ambientale.
4. 1.050.177 euro per l’acquisizione di casse mobili e rimorchi o semirimorchi porta casse così da facilitare l’utilizzazione di differenti modalità di trasporto in combinazione fra loro senza alcuna rottura di carico.

 
I contributi sono erogabili fino ad un massimo di 700 mila euro ad impresa e comunque fino a concorrenza delle risorse disponibili per ogni raggruppamento di tipologie di investimenti, previa rimodulazione, in base alle domande presentate, da parte del Ministero dei Trasporti.

 
In caso di Piccole Medie Imprese (fatturato fino a 50 milioni di euro; fino a 250 addetti), che ne facciano espressa richiesta:
– gli incentivi di cui alle precedenti lettere a), b), d) sono incrementati del 10% (allegare documentazione prescritta);
– per tutte le tipologie di incentivi di cui sopra, gli stessi sono incrementati del 10% in caso di imprese aderenti ad una rete di imprese (allegare documentazione prescritta).
Le maggiorazioni di cui sopra sono cumulabili e si applicano entrambe sull’importo netto del contributo.

 

Trasporto merci – Investimenti 2017 Decreto 20 giugno

Trasporto merci – Investimenti 2017 Decreto 17 luglio

Parole chiave: autotrasporto

Articoli correlati


Condividi sui Social Network