COOPCULTURE – Nasce SHARECULTURE.COOP, la nuova rete cooperativa culturale presentata al Salone del Libro di Torino

Torino, 17 maggio 2016 – Collaborazione, intersettorialità, innovazione, trasferimento di know-how e, naturalmente, cooperazione. Sono alcune delle parole d’ordine di ShareCulture.coop, un progetto per lo sviluppo di rete tra imprese che operano nel comparto culturale con specializzazioni diverse e complementari: beni culturali, spettacolo, editoria e comunicazione.

 

Il progetto, presentato al Salone Internazionale del Libro di Torino lo scorso 13 maggio, è nato dall’incontro tra CoopCulture con tre tra le più importanti cooperative culturali italiane, DOC Servizi, Mandragola Editrice, Trenta e Lode.

 

Immagine6

 

  • CoopCulture, specializzata nella gestione di servizi e attività museali, opera anche per la valorizzazione dei territori mediante la creazione di reti e sistemi che rendono fruibile la varietà culturale del nostro patrimonio diffuso.
  • DOC Servizi, offre servizi nel campo dell’arte, dello spettacolo e della cultura. Oltre 5.200 soci, musicisti, tecnici, attori, insegnanti ma anche guide turistiche, fotografi, operatori video, utilizzano i vantaggi offerti da DOC per crescere e avere nuove opportunità di lavoro.
  • Mandragola Editrice, leader nell’Educazione ai media e specializzata nei media tradizionali e multimediali partecipati dai giovani, opera in tutti i campi dell’editoria tradizionale con tecnologie all’avanguardia. Riviste, pubblicazioni, servizi radiofonici ma anche sviluppo di contenuti sui nuovi supporti offline e online.
  • Trenta e Lode, opera con il marchio “Pagine di…” con un innovativo modello di commercializzazione e distribuzione editoriale, che contempla la vendita di titoli di piccoli editori indipendenti nella Grande Distribuzione. È presente in 13 regioni con 129 punti vendita e un catalogo di 4.519 titoli.

 

L’obiettivo di ShareCulture.coop è costruire una piattaforma collaborativa per creare nuove opportunità per gli operatori ed i pubblici di tutti i settori della cultura.

 

Le principali linee d’azione:

  • Creazione e implementazione di una Piattaforma Digitale collaborativa che estenda e integri la fruizione e la partecipazione culturale in una logica di filiera.
  • Sviluppo di servizi trasversali e nuove professionalità per la diffusione digitale, la valorizzazione dei contenuti culturali e la creazione di nuovi mercati intersettoriali.
  • Sviluppo di una Cultural Audience Community che incrementi l’accessibilità e le potenzialità delle azioni di comunicazione.
  • Internazionalizzare, da subito, con specifico riferimento all’Europa.

Scarica la presentazione di ShareCulture.coop

Parole chiave: IN PRIMO PIANO Servizi ai Beni culturali

Articoli correlati


Condividi sui Social Network